Disfunzione Erettile e Iperplasia Prostatica

0
19

Poiché nei precedenti articoli del blog abbiamo già discusso il tema della disfunzione erettile (DE), per cominciare, daremo alcuni concetti generali di iperplasia prostatica.

La prostata è una ghiandola a forma di noce situata intorno alla parte superiore dell’uretra (il condotto finale che trasporta urina e sperma verso l’esterno) proprio all’uscita della vescica, ed è principalmente responsabile della produzione del liquido prostatico, uno dei tanti componenti dello sperma. Produce anche l’antigene specifico della prostata, una sostanza che contribuisce alla liquefazione dello sperma, facilitando la mobilità dello sperma e quindi la fertilità.

-

Il sesso può essere un incredibile alleviatore di stress in quanto rilascia endorfine e altri ormoni che migliorano l'umore. Come forma di esercizio fisico, il sesso ha effetti naturali di…

Questa ghiandola inizia a crescere durante la pubertà e si ferma quando si invecchia, tuttavia, in molte occasioni le cellule che compongono questa ghiandola crescono più del solito e si verifica quella che comunemente conosciamo come Iperplasia Prostatica Benigna (IPB) (cioè non c’è alcun processo maligno). Questa malattia è il tumore benigno più diffuso negli uomini di età superiore ai 50 anni e colpisce il 40% degli uomini di età superiore ai 50 anni e il 90% degli uomini di età superiore ai 90 anni. Di solito viene diagnosticata accidentalmente durante i test di screening per il cancro alla prostata, come l’esame rettale, e la presenza di sintomi quali: difficoltà ad iniziare ad urinare, flusso di urina debole o intermittente, gocciolamento dopo aver urinato da una vescica che non si svuota, aumento della frequenza della urinazione, urgenza e incontinenza da stress, e può anche influenzare le prestazioni sessuali riducendo il tempo di attività sessuale, la rigidità, e la quantità di sperma, generando dolore, disagio, o sgradevolezza. Tutti questi sintomi sono il risultato dell’ostruzione prodotta dall’ingrossamento della ghiandola nella sua posizione nell’uretra.

Una volta chiariti i concetti precedenti, possiamo parlare adesso di come queste due patologie, così fastidiose e che diminuiscono la qualità della vita degli uomini, sono correlate. Nonostante il fatto che la maggior parte degli uomini adulti soffra o soffrirà di IPB, non vi è ancora una causa chiara per questo fenomeno; tuttavia, sono stati identificati fattori di rischio che ne predispongono la comparsa, come l’età, l’aterosclerosi, l’arteriosclerosi, l’ischemia o le neuropatie, molte delle quali derivano da malattie croniche e non trasmissibili derivanti da cattive abitudini di salute durante la vita, si parla di malattie come il diabete, l’ipertensione e l’obesità. Alla fine, quando ci informiamo sui fattori di rischio per lo sviluppo della DBP, ci sorprende che spesso siano gli stessi e che non sia insolito identificare un’anamnesi dei sintomi della IPB nei pazienti che si consultano per la DBP.

-

Il diabete è in continuo aumento nel mondo come la maggior parte delle malattie croniche più comuni. I pazienti con diabete dovrebbero monitorare e controllare i loro livelli di glucosio…

I risultati di molteplici studi affermano che queste due malattie potrebbero avere una causa di fondo comune, una diminuzione del flusso sanguigno, spesso spiegata dai fattori di rischio già citati che possono generare l’aterosclerosi, una patologia in cui le arterie si induriscono e si riducono di calibro, la cui causa principale è l’accumulo di grasso che si forma al loro interno, generando processi di infiammazione e cicatrici.

Infine, poiché la causa principale della DE in persone di età superiore ai 50 anni è la lesione vascolare arteriosa, e poiché la DE stessa è un segno di danno agli organi bianchi da aterosclerosi che si manifesta con danni alle arterie che alimentano il pene durante l’erezione, dobbiamo sempre tenere presente che la DE è solo un segno premonitore di qualcosa di peggiore che potrebbe manifestarsi in futuro, come un infarto o un ictus; Pertanto, in ogni paziente con DE, è necessario valutare la possibilità di lesioni ad altri organi e il rischio metabolico di sviluppare uno di questi fenomeni.

Puoi vedere il profilo dell’autore in lingua originale qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *