Alta pressione sanguigna e disfunzione erettile, qual è il rapporto tra i due?

0
17

L’ipertensione, o ipertensione, è una malattia cardiovascolare cronica, molto diffusa nella popolazione. Questo è un vero problema di salute pubblica poiché la sua prevalenza negli adulti sopra i 25 anni è stimata al 29% nel 2025, secondo i ricercatori. È definito da un aumento della pressione sanguigna oltre 140 mm Hg per la pressione sistolica e 90 mm Hg per la diastolica.

Studi scientifici hanno rilevato che la disfunzione erettile si verifica in 1 paziente su 7 con pressione alta . Spieghiamo in questo articolo quale legame può esistere tra le due malattie. 

La componente vascolare 

Quando conosciamo il meccanismo dell’erezione, comprendiamo rapidamente il legame tra ipertensione e disfunzione erettile. In effetti, è quando i corpi cavernosi del pene si riempiono di sangue che avviene l’erezione. Tuttavia, questo sangue deve essere canalizzato attraverso specifiche piccole arterie. 

Dovrebbe anche essere chiaro che la pressione alta si verifica a causa dell’incapacità dei vasi sanguigni di dilatarsi. Questa riduzione della vasodilatazione è spesso il risultato di anomalie endoteliali (della parete del vaso), legate alla presenza di fattori di rischio (fumo, obesità, stile di vita sedentario, ecc.) O a patologie sottostanti. A prescindere dall’origine, tramite questo meccanismo, il sangue che si trova all’interno dei vasi viene quindi messo in tensione. Tutto ciò induce un flusso sanguigno ridotto perché deve affrontare una resistenza più forte.

Quando comprendiamo questi due concetti, percepiamo meglio la relazione tra le due patologie. Quando queste anomalie endoteliali colpiscono le piccole arterie del pene, è difficile che il sangue riempia i corpi cavernosi e quindi si verifica una disfunzione erettile. Tutte queste informazioni teoriche sono confermate da statistiche e vari studi scientifici. 

Ipertensione: Cause e Fattori di Rischio:

Farmaci antipertensivi e disfunzione erettile 

Altri studi e ricerche scientifiche confrontano pazienti ipertesi non trattati e pazienti in trattamento. Una disfunzione erettile più frequente si osserva nei pazienti che assumono terapia antipertensiva. Hanno, infatti, difficoltà a ottenere un’erezione o a mantenerla. 

Pertanto, l’ipotesi è effettivamente confermata, questi ipertesi hanno come effetti collaterali un’alterazione dell’erezione, ma l’esatto meccanismo non è ancora del tutto chiarito.

Sebbene la disfunzione erettile possa essere di origine vascolare nel 40% dei casi, ma è importante risalire agli eventi! E questo, al fine di evidenziare qualsiasi relazione cronologica tra l’inizio del trattamento antipertensivo e la comparsa dei sintomi della disfunzione erettile. 

Non va dimenticato che una scarsa aderenza al trattamento può contribuire fortemente alla comparsa di questi disturbi. Il dosaggio sbagliato, il monitoraggio irregolare, l’interruzione improvvisa o lo stress psicologico associato agli effetti collaterali del trattamento possono tutti contribuire alla comparsa della disfunzione erettile.

Gestione della disfunzione erettile nei pazienti ipertesi

Prima di qualsiasi trattamento medico per la disfunzione erettile negli uomini ipertesi, è importante considerare e prevenire questo disturbo ancor prima che compaia. Occorre quindi spiegare al paziente che è possibile intervenire in caso di disfunzione erettile, ma che deve soprattutto sollevare ed esprimere il problema al proprio medico curante. L’assistenza psicologica porta il paziente a superare la sua riluttanza a parlarne e gli permette di instaurare un rapporto di fiducia con il proprio medico. Di conseguenza, la probabilità che compaiano i sintomi può essere notevolmente ridotta.

-

Visitare un medico per discutere dell'impotenza può essere un aspetto imbarazzante per qualsiasi uomo. Tuttavia, non c'è altro modo per farlo. In questo articolo descriviamo come prepararsi alla visita e…

Dopo un ben condotto interrogatorio durante il consulto e dopo aver preso in considerazione la diversa anamnesi del paziente, il medico può intervenire modificando sia il trattamento antipertensivo che il suo dosaggio. Può anche introdurre, nella gestione, un trattamento specifico per la disfunzione erettile. Ovviamente dopo aver verificato le interazioni tra le due molecole.  

Conclusione

La letteratura medica ha trovato un alto tasso di correlazione tra ipertensione e insorgenza di disfunzione erettile. I meccanismi che collegano queste due malattie sono numerosi, ma alcuni non sono stati ancora del tutto chiariti. È dimostrato che la componente vascolare contribuisce fortemente alla comparsa dei sintomi erettili. Tuttavia, i meccanismi con cui contribuiscono i trattamenti ipertensivi sono, finora, difficili da confermare. Questo per vari motivi: gli studi clinici si basano molto più sull’ipertensione stessa che sulla disfunzione erettile, la disfunzione sessuale non è sempre segnalata dal paziente e resta basata sulle affermazioni di quest’ultimo, la componente psicologica indotta dalla reputazione del trattamento ipertensivo … ecc.

Tuttavia, l’importanza della prevenzione e della gestione di questo disturbo in questi pazienti è fondamentale. Soprattutto perché possono essere associate anche un’alterazione della libido e altre funzioni sessuali. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *